Storie di Latte

Il blog del Primiero


Puzzone di Moena DOP, una delizia trentina firmata anche Primiero

Oggi gli esperti di marketing non l’avrebbero approvato, perché un nome così “esplicito” poco s’intona con l’eloquio sofisticato dei grandi chef alla moda. Ma per fortuna, in quel lontano 1974, nessuno si preoccupò di chiedere un parere. Siamo in una calda domenica d’estate: la denominazione “Puzzone di Moena” fa il suo debutto ufficiale durante una trasmissione radiofonica della sede RAI di Trento. Probabilmente la cosa sarebbe passata inosservata, senonché un giornalista se ne ricordò, e quella data divenne storia. In realtà tutto era iniziato molto prima. Da tempo infatti un formaggio caratterizzato da crosta untuosa e pasta con odore e sapore molto accentuati veniva prodotto sulle malghe, nei caseifici turnari e nei masi di montagna, soprattutto in Val di Fassa, ma anche in certe aree della Val di Fiemme e della conca di Primiero.
ph: Formaggideltrentino.it

Aroma penetrante e sapore intenso: un formaggio dalla personalità inconfondibile!

In lingua ladina si chiama Spretz Tzaorì, che vuol dire “formaggio saporito”. E in effetti il suo aroma è decisamente acuto, penetrante, persistente. Gli assaggiatori esperti ci 

riconoscono profumi di frutta matura ed erba di pascolo, con qualche accenno di nocciole tostate. Mentre il sapore lo definiscono robusto, intenso, lievemente salato, con un minimo retrogusto amarognolo. La forma del Puzzone di Moena si riconosce per la tipica crosta liscia e untuosa e per il colore che, con il progredire della maturazione, passa dal giallo ocra al marrone chiaro o rossiccio. Al taglio la pasta si presenta morbida, poco elastica, abbastanza fondente e leggermente adesiva. Il colore, bianco o paglierino, diviene giallo più accentuato quando il latte è prodotto in malga.

Il segreto della sua incredibile bontà? La qualità del latte e la crosta lavata.

Il Puzzone di Moena è un formaggio a denominazione di origine protetta (DOP). Viene prodotto con latte vaccino crudo, che viene riscaldato e quindi fatto coagulare con caglio di vitello. Dopo la rottura della cagliata si procede con la semicottura, l’estrazione della massa e la messa in forma. Segue la salatura, a secco o in salamoia. Il Puzzone di Moena di Malga ha una stagionatura 

ph: Caseificio di Primiero

minima di almeno 90 giorni e viene fatto maturare con la tecnica della crosta lavata, che inizia a partire dal settimo giorno. La forma viene sottoposta alla pratica della spugnatura con acqua tiepida salata: in questo modo si ottiene una patina impermeabile all'aria che avvolge la crosta e favorisce le fermentazioni batteriche nella pasta, dando al formaggio il tipico aroma, intenso e penetrante. La stagionatura, che può durare fino a otto mesi, avviene in locali freschi e con alto grado di umidità, dove il formaggio, disposto su scaffali in legno di abete, viene rivoltato due volte alla settimana.

ph: Fondazione Mach 

Qui in Primiero produciamo solo quello di malga e lo stagionato Presidio Slow Food

Le zone di produzione del Puzzone di Moena sono le valli di Fassa, di Fiemme e di Primiero. Nel nostro Caseificio produciamo solo Puzzone di Moena DOP con latte munto in malga, durante il periodo estivo, da vacche nutrite esclusivamente con erbe di pascolo e con eventuali integrazioni di mangimi e materie prime vegetali prive di OGM. Dal gusto morbido e avvolgente, il formaggio prodotto in malga racchiude il profumo di 

tutte le erbe e i fiori presenti nei pascoli. Dopo aver raggiunto una stagionatura minima di 120 giorni, il nostro Puzzone di Moena DOP diventa Presidio Slow Food, affiancandosi agli altri nostri due presidi: il Trentingrana con latte d’alpeggio e il Botìro di Primiero di Malga.

Come gustare il Puzzone di Moena? Provatelo con la polenta o con le patate. Non perdetevi poi un bel risotto o, meglio ancora, gli gnocchi di patate. Ovviamente i veri intenditori preferiscono gustarlo in purezza. Ma a noi, comuni mortali, ci piace in aperitivo, durante il pasto o come merenda accanto agli affettati. Comunque lo gustiate, scoprirete che è una delle grandi delizie delle nostre montagne!

Condividi con

Prodotti correlati

Calendario esperienze
Mar

01

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più
Mar

08

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più
Mar

15

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più
Mar

22

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più

Potrebbe interessarti anche

Comprendiamo cos’è il latte e perché è così importante

Il “Fregio della latteria” è un bassorilievo di 5.000 anni fa in cui sono...

15/02/2024
La linea di dermocosmesi nata dalla filiera del latte del nostro territorio

Sono in tanti, qui nella nostra filiera, ad avere un forte legame con il ...

15/01/2024
Un po’ di consigli per fare onore ai nostri formaggi con il gran menù di Capodanno

Ancora poche ore e l’ultimo sole del 2023 dirà addio anche alle nostre mo...

31/12/2023

Cerca

Menu

Formaggi

Categorie

...tutte le categorie
Nostrano di Primiero
Trentingrana
Toséla
Ricotta
Burro e Botìro di Malga
Botìro di Malga
Altri formaggi
Caprini

Burro e Botìro di Malga

Categorie

Salumi

Categorie

...tutte le categorie
Macelleria Fam. Bonelli
Fed. Prov. Allevatori Trento

Prodotti tipici

Categorie

...tutte le categorie
Pastificio Primiero
Farina
Dolci e biscotti
Infusi
Miele
Confetture
Composte
Salse
Frutti sciroppati
Preparati e Spezie

Cantina

Categorie

...tutte le categorie
Birra Bionoc
Succhi
Vino Bianco
Vino Rosato
Vino Rosso
Birra
Trento Doc

Confezioni

Categorie

...tutte le categorie
Confezioni Regalo
Esperienze di gusto
Set dermocosmesi
Pacchetti degustazione

Dermocosmesi

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero

Profumi d'ambiente

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero