Storie di Latte

Il blog del Primiero


L'inconfondibile profumo di affumicato del nostro L’Arin!

La prossima volta che venite in Primiero, parcheggiate l’auto nei pressi di Fiera e datevi al libero passeggio tra le viuzze del borgo. Nei pressi della chiesa di Santa Maria Assunta c’è la vecchia canonica del quindicesimo secolo, che in dialetto noi chiamiamo canònega vècia. La riconoscete dal bellissimo ballatoio in legno, sotto al quale ci sono due immagini sacre e una bellissima scala. Entrate e scoprirete com’erano fatte le case di una volta, con la cucina e la camera da letto lì accanto. Noterete subito tre cose: il lavello in pietra, il mobile dispensa con lo spazio per i secchi e il focolare aperto, che qui dalle nostre parti si chiama el arìn. Se chiedete a qualche vecchio primierotto il significato esatto del termine potreste sentirvi rispondere una cosa del genere: pian levà te la cosina, onde che se fa el foch par còser el magnar te na tecia e par sentarse par scaldarse. Che in italiano suona più o meno così: il piano rialzato della cucina in cui si fa il fuoco per cuocere il cibo in una pentola e ci si siede per riscaldarsi.

In ricordo del caratteristico focolare

El arin era dunque il centro della casa: l’angolo caldo attorno al quale si riuniva la famiglia, si preparava il cibo e, quando il freddo era intenso, ci si scaldava. Troppo importante per non dedicargli un formaggio… E quale formaggio, se non il nostro Fumè di Primiero, nato proprio sul focolare? Il nome abbiamo scelto di cambiarlo leggermente, per ragioni puramente fonetiche, optando per una 

ph: Caseificio di Primiero

soluzione più orecchiabile: L’Arin. Si tratta di un formaggio da taglio dal sapore dolce con sentori di affumicatura, che lo contraddistinguono da altri formaggi simili nati per essere anche cotti. La crosta è morbida ed edibile, di colore marrone chiaro, mentre la pasta si presenta di colore leggermente paglierino, compatta, di rada occhiatura. Apprezzato in cucina per la sua eccellente duttilità, L’Arin può essere cotto alla piastra o in padella senza l'aggiunta di condimenti.

ph: Caseificio di Primiero

Un formaggio gustoso e molto versatile

Con l’avanzare dell’autunno il pensiero corre facilmente all’inconfondibile profumo di affumicato del nostro L’Arin, che richiama l’atmosfera calda e raccolta del focolare. In tanti ci chiedono un consiglio sul come consumarlo. La prima risposta che diamo è semplicemente con polenta gialla integrale, preparata magari con farina di Storo. Anche le patate bollite o saltate in padella sono delle ottime compagne per questa bontà tutta nostrana. Se poi ci aggiungete un po’ di speck ancora meglio. L’Arin è perfetto poi

per arricchire due tipici piatti trentini: i canederli e gli strudel salati. E abbinato a verdure fresche o grigliate è sicuramente un eccellente ingrediente in gustosi panini e toast da portare in gita o da consumare sul lavoro.

Da provare al naturale, grigliato o spadellato

Tre cose importanti sulla produzione. La prima è che L’Arin viene prodotto con solo latte vaccino intero pastorizzato, sale e caglio. La seconda è che il latte proviene da vacche alimentate a fieno con integrazione di mangimi e/o materie prime vegetali prive di OGM. La terza è che l’affumicatura è completamente naturale, fatta con fumo filtrato da legno di foglia. Dopo una breve stagionatura di circa un mese il nostro Fumè di Primiero viene messo in vendita nel punto vendita del Caseificio, a Mezzano, dove lo 

ph: Caseificio di Primiero

tagliamo in comode fette pronte da cuocere. Lo potete però ordinare anche sull’e-commerce del nostro sito, in tagli sottovuoto da 500g o 1000g.

Se ancora non l’avete assaggiato, è giunto il momento di provarlo. Poi ci farete sapere se avete trovato altri modi interessanti per gustarlo! Nel frattempo rimanete sintonizzati con questo blog: prossimamente vi racconteremo quanto importante sia per noi e per tutta la filiera zootecnica dei Primiero la ricorrenza appena trascorsa dell’11 novembre.

Condividi con

Calendario esperienze
Apr

26

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più

Potrebbe interessarti anche

Il processo di coagulazione dal quale nascono i nostri deliziosi formaggi di Primiero

Abbiamo già visto, in un precedente articolo, cosa succede al latte quand...

15/04/2024
ONAF: l’Organizzazione a cui fanno riferimento i veri cultori del formaggio

Un’Italia fatta dei sapori dei suoi tanti formaggi. È così che “sentono” ...

28/03/2024
Sinfonie di Primiero, i profumi d’ambiente che parlano di noi e del nostro territorio

Nel linguaggio comune sinfonia è un complesso armonico di suoni e voci, m...

15/03/2024

Cerca

Menu

Formaggi

Categorie

...tutte le categorie
Nostrano di Primiero
Trentingrana
Toséla
Ricotta
Burro e Botìro di Malga
Botìro di Malga
Altri formaggi
Caprini

Burro e Botìro di Malga

Categorie

Salumi

Categorie

...tutte le categorie
Macelleria Fam. Bonelli
Fed. Prov. Allevatori Trento

Prodotti tipici

Categorie

...tutte le categorie
Pastificio Primiero
Farina
Dolci e biscotti
Infusi
Miele
Confetture
Composte
Salse
Frutti sciroppati
Preparati e Spezie

Cantina

Categorie

...tutte le categorie
Birra Bionoc
Succhi
Vino Bianco
Vino Rosato
Vino Rosso
Birra
Trento Doc

Confezioni

Categorie

...tutte le categorie
Confezioni Regalo
Esperienze di gusto
Set dermocosmesi
Pacchetti degustazione

Dermocosmesi

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero

Profumi d'ambiente

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero