Storie di Latte

Il blog del Primiero


Rosetta, il formaggio che ci fa sognare le nostre montagne

Qui nelle nostre valli il rosa è di casa. Ci è così familiare che gli abbiamo pure dato un nome: enrosadira. Sapete cos’è? È il fenomeno delle Dolomiti che diventano rosa all’alba e al tramonto. Uno spettacolo veramente unico! C’è poi il Rosetta, che è una delle cime più amate e conosciute delle Pale di San Martino. Ogni volta che la ammiriamo ci pervade un sentimento di morbida dolcezza, che tanto assomiglia alla nostalgia.

CIMA ROSETTA CON L'ARRIVO DELLA FUNIVIA

Dolce, morbido e delicato: per questo piace a tutti

Ci siamo detti: e se gli dedicassimo un formaggio, a cima Rosetta? I legami con la terra, in fondo, sono fatti anche di gesti semplici e di memorie condivise: come assaggiare un formaggio morbido e profumato il cui nome evoca magici panorami e indimenticabili montagne. Ovviamente ci abbiamo pensato bene prima di decidere quale formaggio battezzare... Ma alla fine abbiamo fatto la scelta giusta: il nostro formaggio Rosetta saprà conquistarvi con il suo sapore bilanciato, dolce e delicato, accompagnato da una leggera punta di gradevole sapidità, che lo rende particolarmente apprezzato sia dagli adulti che dai bambini. Con il Rosetta porterete a casa il sapore delle Dolomiti, e siamo sicuri che questa specialità saprà stupirvi, non solo gustata al taglio, ma anche come ingrediente per esaltare le vostre ricette più creative.

Vi raccontiamo come nasce un grande formaggio

Il Rosetta appartiene alla famiglia dei formaggi pressati, una lavorazione tipica delle produzioni alpine. La forma è cilindrica e piuttosto grande (12 kg), con crosta sottile, flessibile e di colore giallo-ocra. La pasta risulta morbida ed elastica, di colore bianco-giallo chiaro, con occhiatura sparsa e irregolare. Abbiamo avuto il piacere di assistere alla lavorazione e vi garantiamo che è stato molto interessante. Proviamo a raccontarvi cos’abbiamo visto. Siamo partiti la mattina con il latte appena conferito. La prima lavorazione è stata la pastorizzazione. Poi siamo passati al riscaldamento in caldaia per ottenere la coagulazione. Sono seguiti l’aggiunta del lattoinnesto e del caglio. Dopodiché c’è stata la fase in cui il casaro ha dato il meglio di sé: la spinatura o rottura della cagliata. 10-15 minuti di cottura e circa altrettanti di giacenza in caldaia. Quindi un altro passaggio a cui è stato bello assistere: l’estrazione della cagliata dalla caldaia, la salatura in pasta e la messa in fascera. A questo punto il formaggio ha preso la sua forma e siamo passati alla fase della pressatura, con 3-4 rivoltamenti. L’applicazione della fascera con il marchio ha chiuso la giornata. Ma il processo non è finito qui. Ci sono voluti infatti 2 giorni di bagno nel salatoio e infine abbiamo visto le forme entrare in magazzino per la stagionatura, che può durare da 1 a 6 mesi.

Preparatevi a gustarlo

Volevamo riportarvi l’analisi tecnica degli assaggiatori ufficiali. Ma abbiamo preferito aspettare, per non condizionarvi. E anzi, ci piacerebbe sapere cosa provate voi, gustando questo meraviglioso prodotto. Sappiate solo una cosa, molto importante: nell’assaggio si attivano tutti e cinque i sensi! Il primo è la vista, che ha il magico potere di risvegliare la memoria olfattiva. Il secondo è l’udito, anche se è il meno coinvolto. Il terzo sono le sensazioni tattili, che sono nelle mani ma anche in bocca. Il quarto è l’odorato, importantissimo per il formaggio. Il quinto è il gusto che recepiamo attraverso la lingua, la cavità retro-nasale e le terminazioni del nervo trigemino, sempre in bocca. Assaporando il Rosetta, pertanto, fidatevi di tutti i vostri sensi. Vedrete che non si sbagliano!

Chiudiamo l’articolo con una bella notizia: il formaggio Rosetta piace così tanto che è stato scelto per rappresentare i formaggi del Primiero alla Rassegna Gastronomica della prossima Gran Festa del Desmontegar, che si terrà dal 29 settembre al 2 ottobre.

 Vi aspettiamo… Nel frattempo continuate a leggere le nostre newsletter!

Condividi con

Prodotti correlati

Calendario esperienze
Mar

01

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più
Mar

08

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più
Mar

15

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più
Mar

22

VISITA AL CASEIFICIO

Scopri di più

Potrebbe interessarti anche

Comprendiamo cos’è il latte e perché è così importante

Il “Fregio della latteria” è un bassorilievo di 5.000 anni fa in cui sono...

15/02/2024
La linea di dermocosmesi nata dalla filiera del latte del nostro territorio

Sono in tanti, qui nella nostra filiera, ad avere un forte legame con il ...

15/01/2024
Un po’ di consigli per fare onore ai nostri formaggi con il gran menù di Capodanno

Ancora poche ore e l’ultimo sole del 2023 dirà addio anche alle nostre mo...

31/12/2023

Cerca

Menu

Formaggi

Categorie

...tutte le categorie
Nostrano di Primiero
Trentingrana
Toséla
Ricotta
Burro e Botìro di Malga
Botìro di Malga
Altri formaggi
Caprini

Burro e Botìro di Malga

Categorie

Salumi

Categorie

...tutte le categorie
Macelleria Fam. Bonelli
Fed. Prov. Allevatori Trento

Prodotti tipici

Categorie

...tutte le categorie
Pastificio Primiero
Farina
Dolci e biscotti
Infusi
Miele
Confetture
Composte
Salse
Frutti sciroppati
Preparati e Spezie

Cantina

Categorie

...tutte le categorie
Birra Bionoc
Succhi
Vino Bianco
Vino Rosato
Vino Rosso
Birra
Trento Doc

Confezioni

Categorie

...tutte le categorie
Confezioni Regalo
Esperienze di gusto
Set dermocosmesi
Pacchetti degustazione

Dermocosmesi

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero

Profumi d'ambiente

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero