Storie di Latte

Il blog del Primiero


La Tosèla è il formaggio che ci fa sentire a casa, qui in Primiero

Sei di Primiero se ti senti a casa quando c’è la Tosèla in padella che sfrigola nel burro. Il formaggio Primiero è la nostra bandiera, il nostro orgoglio, questo è vero. Ma è la Tosèla quella che ci dice esattamente chi è primierotto e chi no.

Tenera e delicata come il latte

 

La Tosèla è un formaggio fresco, dalla pasta compatta e senza crosta, non salato e di colore bianco. Più precisamente è una cagliata, tagliata e messa direttamente nello stampo. Viene prodotta con latte vaccino e conserva tutta la fragranza dei prati di montagna. Gli abitanti del Primiero la consumano in giornata, per non perdere l’originale sapore di latte. In ogni caso può essere conservata in frigorifero per 2-3 giorni e, se confezionata sottovuoto, fino a un massimo di 20. La Tosèla è leggermente più compatta della mozzarella e ha una forma quadrata che si ottiene grazie all’uso di uno stampo.

Tra storia e leggenda

 

La Tosèla è veramente di casa nelle famiglie del Primiero. Andando indietro negli anni le famiglie che avevano una vacca la mungevano tutte le mattine e tutte le sere, per il proprio fabbisogno quotidiano. Con il latte che avanzava non riuscivano a produrre il formaggio e così facevano la cagliata, che chiamavano Tosèla e consumavano in giornata. Oggi la Tosèla si produce anche in altre zone del Trentino e del Veneto (nell’altopiano di Asiago viene chiamata Tosella e nel bellunese Schiz). Ma l’origine è qui, nel Primiero. La nascita del nome è incerta: c’è chi lo collega all’operazione della tosatura della cagliata, e c’è chi la fa derivare dal termine dialettale tósa, cioè ragazza giovane. 

A questo proposito c’è una leggenda che narra di un vecchio casaro un po’ strano, chiamato El Mazaròl. Dicono fosse vestito di rosso con cappellaccio in testa e mantello nero. Era dotato di poteri magici perché, se calpestavi le sue orme, perdevi la memoria e diventavi suo schiavo. Una fanciulla del Primiero rimase soggiogata alla sua volontà e il Mazaròl le insegnò a fare il burro, il formaggio e la Tosèla. Un giorno un cacciatore riconobbe la ragazza e la riportò in paese ma la memoria non le tornava. Finalmente una vecchina le fece bere il latte di una capretta bianca e la memoria tornò. Per la felicità, la ragazza insegnò a tutto il paese a fare il burro, il formaggio e la Tosèla!

Scultura lignea che rappresenta la leggenda del Mazaròl

Prodotta da latte freschissimo

 

Il latte può provenire da varie razze bovine, come la bruna e la grigio alpina. Requisito fondamentale è la freschezza del latte, che viene successivamente pastorizzato. 

Al latte viene aggiunto il caglio e, una volta ottenuta la coagulazione, la cagliata viene tagliata in frammenti grandi una noce, poi separata da quasi tutto il siero e quindi versata negli stampi. Dopo essere state girate per tre o quattro volte, le forme vengono poste in cella frigo e sono subito pronte al consumo. Non viene effettuata alcuna salatura.

La cagliata viene versata negli stampi

Il segreto della giusta misura

 

Per tradizione viene rosolata nel burro e servita in abbinamento con polenta e lucanica trentina. Il trucco per una perfetta riuscita del piatto sta nel tagliare la Tosèla a fette alte un centimetro, la misura giusta per una cottura uniforme. Essendo un formaggio non soggetto ad alcuna salatura, le fette vanno salate nel corso della rosolatura, rivoltandole di tanto in tanto. La Tosèla comunque è buona anche non cotta, come appetizer o a cubetti nell’insalata.

E dopo la Tosèla, prossimamente vi parleremo del nostro prodotto più esclusivo. Avete capito di chi si tratta? Del mitico Botìro di Primiero di malga… Manca poco e sarà di nuovo in vendita!

Condividi con

Prodotti correlati

Calendario esperienze
Lug

18

Un pomeriggio da Malgaro

Scopri di più
Lug

22

"Nei panni di un casaro": laboratorio per bambini

Scopri di più
Lug

23

PRIMIERO BIKE & TASTE TOUR

Scopri di più
Lug

24

I mercoledì d'estate

Scopri di più

Potrebbe interessarti anche

Prima Malga: tutto l’aroma del primo latte munto in alpeggio!

Una cosa bella di questo formaggio è che bisogna avere la pazienza di asp...

15/07/2024
I benefici del latte d’alpeggio: ricco di omega-3, omega-6 e carotenoidi!

Il latte d'alpeggio è il latte prodotto dalle vacche che pascolano in alt...

15/06/2024
Cosa significano le sigle DOP, IGP, STG, PAT e perché sono importanti

Ebbene sì, scoprire che la qualità si può declinare in ben quattro sigle ...

03/06/2024

Cerca

Menu

Formaggi

Categorie

...tutte le categorie
Nostrano di Primiero
Trentingrana
Toséla
Ricotta
Burro e Botìro di Malga
Botìro di Malga
Altri formaggi
Caprini

Burro e Botìro di Malga

Categorie

Salumi

Categorie

...tutte le categorie
Macelleria Fam. Bonelli
Fed. Prov. Allevatori Trento

Prodotti tipici

Categorie

...tutte le categorie
Pastificio Primiero
Farina
Dolci e biscotti
Infusi
Miele
Confetture
Composte
Salse
Frutti sciroppati
Preparati e Spezie

Cantina

Categorie

...tutte le categorie
Birra Bionoc
Succhi
Vino Bianco
Vino Rosato
Vino Rosso
Birra
Trento Doc

Confezioni

Categorie

...tutte le categorie
Confezioni Regalo
Esperienze di gusto
Set dermocosmesi
Pacchetti degustazione

Dermocosmesi

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero

Profumi d'ambiente

Categorie

...tutte le categorie
Sinfonie di Primiero